Un ormeggio rispettoso dell’ambiente marino
4/5 1

Un ormeggio rispettoso dell’ambiente marino

Dopo una piacevole giornata in barca, è fondamentale effettuare un buon ormeggio.

Di seguito non troverai consigli sulle tecniche per effettuare un buon ormeggio ma dei suggerimenti per rispettare la vegetazione e la fauna marina.

– E’ importante informarsi sulla zona di ormeggio. In alcuni punti i fondali sono protetti o potrebbero essere presenti cavi sottomarini. Queste informazioni sono disponibili nei blocchi marini, sulle carte o direttamente sul GPS.

– Evita, se possibile, i posti dove sono già presenti diverse barche.

– E’ preferibile arenarsi con il vento a favore. Ciò impedisce alla sagola di raschiare il fondo prima di trovare la posizione finale.

– E’ preferibile ormeggiare sulla sabbia. Si sconsiglia infatti l’ormeggio sui fondali erbosi (in particolare sulla posidonia) perché l’ancora non riesce a fissarsi al suolo, danneggiando in questo modo la pianta. Bisogna anche evitare le rocce dove si rischia di far incastrare l’ancora o le fosse dove questa può distruggere flora e fauna.

– Fai uso di prodotti ecosostenibili, in rispetto dell’ambiente (detersivo, sapone, detergente per la coperta…).

– Sebbene sia scontato, bisogna svuotare il serbatoio dell’acqua nera in uno spazio apposito. Lo stesso vale per la spazzatura.

– Se possibile, sciacqua il tuo cordame per evitare la diffusione di specie in luoghi diversi.

– Infine, leva l’ancora perpendicolarmente all’ormeggio. Per questa operazione, avanza fino al di sopra dell’ancora prima di sollevarla.

 

Riducendo l’impatto ambientale dell’ormeggio, contribuirai a preservare i tuoi siti preferiti.

Dai la tua opinione

Share on facebook
Share on twitter
Share on email

Lascia un commento

Chiudi il menu