Scegliere gli strumenti di navigazione

Scegliere gli strumenti di navigazione

In mare è vitale conoscere la propria posizione (statica), la direzione (dinamica), così come la velocità (quanto tempo durerà la navigazione). Un tempo i navigatori ottenevano queste informazioni osservando la posizione del sole e delle stelle. Al giorno d’oggi esistono strumenti in grado di fornire in tempo reale le informazioni necessarie per una navigazione ottimale.

Il GPS (Global positioning system)

Elemento fondamentale a bordo di una barca, indica la tua posizione grazie ai segnali satellitari. Rende la navigazione più comoda (sai dove ti trovi in qualsiasi momento) e più sicura (puoi evitare le zone a rischio). 

 

La bussola magnetica

Indica la rotta seguita dalla barca. La bussola è graduata da 0° (Nord) a 359° in senso orario. È obbligatoria per tutte le navigazioni oltre le due miglia dalla costa costa. Non dipende dall’alimentazione elettrica, quindi potrai mantenere la rotta anche in situazioni di assenza di corrente.

Esistono anche delle bussole di rilevamento che permettono di conoscere la posizione in rapporto a un punto di riferimento (per esempio un faro, una boa, una costruzione sulla terraferma).

 

 

La bussola

A differenza della bussola magnetica, quella tradizionale indica una sola direzione, il Nord. È composta da una lancetta magnetica che si allinea sul campo magnetico della terra. Fornisce una sola direzione ed è ugualmente in grado di aiutare durante la navigazione.

   

 

Il radar 

Si tratta di un sistema di segnalazione basato su invio e ricezione di onde radio che determinano la posizione e/o la velocità di un oggetto individuato attorno alla barca. Permette inoltre di posizionarsi e di conoscere l’andatura di spostamento della barca. È molto utile per la navigazione notturna o in caso di nebbia.

 

 

 

 

L’ecoscandaglio 

Permette di conoscere la profondità dell’acqua sotto la barca.
L’ecoscandaglio funziona tramite il rinvio dell’eco. Oltre all’utilità nella pesca e nell’immersione, funge da avvertimento per evitare l’incagliamento in prossimità della costa o di un fondale alto.
Esistono due tipologie di trasduttore:

  • Il primo si fissa sullo specchio di poppa; è solitamente utilizzato dalle barche che vengono tirate in secco regolarmente o che navigano a grandi velocità.
  • Il secondo modello è il trasduttore passante. Utilizzato principalmente sulle barche a vela, si posiziona davanti la chiglia. 

Esistono poi i combinati, vale a dire GPS ed ecoscandaglio insieme. Sono molto pratici perché permettono la visualizzazione di tutti i dati su un solo schermo.

 

La carte nautica elettronica

Ne esistono di due tipi: la carta nautica standard è l’esatta replica della cartina geografica, scannerizzata per poterla visualizzare sullo schermo. La carta nautica vettoriale ha il vantaggio di essere interattiva. Può essere abbinata al GPS ed è possibile fare ricerche (numero di telefono dei porti, la stazione di servizio più vicina…).

 

 

 

Il solcometro Speedo

Si trova sotto lo scafo a circa 60 cm davanti la chiglia. È costituito da una ruota a pala o da un’elica azionata dallo spostamento dell’acqua sotto lo scafo. Il numero di giri della ruota o dell’elica permette di calcolare la velocità della barca in superficie.

            

 

 

L’anemometro segnavento

L’anemometro indica la velocità del vento e il segnavento ne indica la direzione. Quando la barca è ferma viene indicata la velocità effettiva mentre quando la barca è in movimento viene indicata la velocità apparente. 

 

Il pilota automatico

E’ un vero e proprio membro dell’equipaggio. Permette di liberare il timoniere, per fare una pausa snack, per riposarsi o fare una manovra.

Sono disponibili due modelli: il pilota da barra franca e il pilota da volante.
Il primo si installa direttamente sulla barra franca ed è specifico per le imbarcazioni fino a 12 metri. Il secondo si posiziona sul volante, è più affidabile ed offre una migliore qualità di comando. 

 

 

Lo schermo multifunzione 

Permette di raggruppare in un solo schermo tutte le informazioni necessarie per la tua navigazione. Il suo utilizzo permette di risparmiare spazio, offrendo più praticità.

 

 

 

I CONSIGLI ORANGEMARINE

 Prima di acquistare la tua centrale operativa, assicurati della compatibilità tra i vari sensori e installa i display in modo da poterli vedere dalla postazione di comando.

Dai la tua opinione

Share on facebook
Share on twitter
Share on email

Lascia un commento

Chiudi il menu