Gli sport da traino

Gli sport da traino

VOGLIA DI EMOZIONI FORTI? GLI SPORT DA TRAINO SONO LA SCELTA GIUSTA!

Wakeboard, sci nautico e trainabili sono tre sport di scivolamento sull’acqua che si possono praticare molto facilmente anche se si è dei principianti.

IL WAKEBOARD

In questo sport da traino, si lasciano scivolare i piedi coperti con dei calzari, uno accanto all’altro sull’acqua senza porre resistenza. Allo stesso tempo, si può padroneggiare il percorso ponendo le mani sul bilancino.

Alcuni criteri di selezione:

La lunghezza del Wakeboard: una tavola più lunga permette di avere uno stile più lento e di atterrare in modo più dolce. Una tavola più corta, invece, da una sensazione di leggerezza, per effettuare rotazioni più veloci e per uno stile più aggressivo.

La larghezza del Wakeboard: delle estremità più strette rendono la tavola più aggressiva nelle virate, ma bisogna pazientare per effettuare delle rotazioni dato che il wake non permette facilmente di uscire dall’acqua. Delle estremità più larghe, invece, permettono di staccare le pinne dall’acqua e di scivolare per creare delle figure sulle onde e per cominciare la rotazione di uscita dall’acqua.

Il peso: più il wakeboard è leggero, più è facile fare manovra. La leggerezza influenza il pop (la presa del salto) e gli atterraggi. Il peso dipende generalmente dalla lunghezza della tavola e dalla sua composizione.

Le pinnette del Wakeboard: se le pinnette sono lontane tra di loro, ossia spostate verso le estremità della tavola, essa tenderà ad agganciarsi all’onda. 

Il rocker: è la curvatura del wakeboard che va da un’estremità all’altra. Il rocker in continuo ti permetterà un’increspatura più veloce con una maggiore presa dello spigolo. Quello invece a tre livelli permette di incresparsi in modo più lento ma con maggiore presa del salto in uscita dall’onda.

 

IL TRAINABILE: sport da traino semplicissimo

La scelta di un trainabile deve essere effettuata in base ai seguenti criteri: numero di persone da trainare, forma (rotonda, triangolare ecc….), modo di utilizzo (seduto o disteso).

  • Non bisogna trainare più di un trainabile alla volta poiché si rischia di urtarsi e di ferirsi
  • Non eseguire mai dei salti o delle figure acrobatiche pericolose con il gonfiabile trainabile.
  • L‘utilizzo del trainabile quando il mare è agitato può comportare dei movimenti violenti del trainabile e aumentare il rischio di ferirsi.
  • Se il conduttore della barca effettua delle virate strette si può incorrere “nell’effetto fionda”. Il gonfiabile trainabile comincia cioè a spostarsi in modo più veloce rispetto all’imbarcazione. Per questo motivo, il conduttore della barca deve ridurre la velocità per effettuare delle virate strette.
  • Ritirare la corda da traino del prodotto quando non lo si sta utilizzando.
  • Non lasciare la corda nell’acqua dove potrebbe essere danneggiata o dove potrebbe agganciarsi con una parte della barca.

Come gonfiare il trainabile

Gonfiare il trainabile nel modo corretto è importante per apprezzare pienamente le potenzialità del prodotto. Il rivestimento deve essere stretto ma allo stesso tempo bisogna lasciare qualche piega in modo da sprofondare leggermente quando si è posizionati sopra la camera d’aria nautica. La camera d’aria è dotata di una o più tipi di valvole:

  1. Valvola di sicurezza della velocità: fatta sporgere per il gonfiaggio/sgonfiaggio, può in seguito essere risospinta dentro la camera d’aria. Chiudi la valvola fissandola dalla parte inferiore nella base. Per gonfiare, apri la parte superiore della valvola. Utilizzando il tubo della pompa, gonfia il trainabile dall’apertura superiore della valvola.
  2. Valvola di sicurezza: porre l’estremità del tubo della pompa nell’apertura della valvola. Assicurarsi di aver aperto la linguetta all’interno dell’apertura e gonfiare fino al punto giusto.

Corde da traino

Le corde da traino sono disponibili in differenti lunghezze e sono di diversa resistenza in base all’attività in questione.

  • Assicurarsi che la corda sia in buono stato.
  • Controllare la corda quando la si utilizza e adattarla all’attività che si intende praticare.
  • Non utilizzare mai una corda sfilacciata, annodata, o decolorata dall’utilizzo o dall’esposizione solare. Se una corda si rompe durante l’utilizzo, vi è il rischio che ritorni verso lo sciatore/rider trainato o verso l’imbarcazione, urtando i passeggeri.
  • Non utilizzare mai una corda da traino elastica per trainare gli sciatori o i rider.
  • La corda deve essere attaccata all’imbarcazione in modo corretto con l’attrezzatura apposita per il traino.
  • Se la corda si aggroviglia all’elica, ferma il motore e togli la chiave prima di recuperare la corda.
  • La corda da traino deve essere lunga almeno 15 metri (50 piedi), ma non più lunga di 20 metri (65 piedi)

Come fissare la corda

METODO RAPIDO:

  1. Prendi il nodo all’estremità della corda di trazione;
  2. Piega l’estremità del nodo su se stesso all’indietro;
  3. Fai scivolare le due aperture ottenute nella fase precedente al di sopra delle due estremità del sistema di chiusura rapida in alluminio;
  4. Tira con forza la corda per fissarla al gancio.

 

OPPURE

GANCIO: verifica i ganci dopo ogni utilizzo. Non utilizzarli se noti dei difetti. Per legare la corda al gancio segui le fasi sottostanti.

  1. Infila la corda nella cavità centrale del gancio;
  2. Fai passare la corda attorno ai due uncini (denti del gancio);
  3. Regola la corda in modo che sia ben stretta attorno al gancio.

 

PUNTO DI TRAZIONE: verifica il punto di trazione dopo ogni utilizzo. Non utilizzarlo in caso di deterioramento. Segui le fasi sottostanti per legare la corda correttamente.

  1. Fai passare la corda attraverso l’apertura del punto di trazione;
  2. Infila la corda all’interno del nodo della corda e tira;
  3. Regola la corda.

 

Installazione dei raccordi di trazione

Se il prodotto è dotato di questo sistema, è bene seguire il presente schema.

  1. Fai un nodo aiutandoti con la cinghia superiore, facendola passare attraverso la cavità inferiore;
  2. Tira in modo che la cinghia sia ben tesa;
  3. Fissa la corda alla cinghia e preparati a partire.

 

Preparati a solcare le onde!

  • Chiedi sempre ad un’altra persona, che non sia il conduttore della barca, di osservare lo sciatore/rider.
  • Assicurati che il conduttore della barca conosca il livello di esperienza e le competenze dello sciatore/rider.
  • Prima di cominciare l’attività sportiva, il conduttore, l’osservatore e lo sciatore/rider devono mettersi d’accordo sui segnali da utilizzare. I segnali devono permettere di comprendere i seguenti comandi: PRONTO, FERMARE, ACCELERARE e RALLENTARE.

 

• Avviare il motore solo dopo essersi assicurati che nessuno si trovi in prossimità dell’elica.

• Spegnere il motore quando le persone salgono o scendono dalla barca o si trovano in acqua, vicino alla barca.

• Assicurarsi sempre che la corda da traino non sia arrotolata attorno alle mani, alle braccia, alle gambe o ad altri parti del corpo.

• Mettere la barca in moto e partire lentamente per eliminare ogni lasco fino a quando la corda da traino è ben tesa.

• Quando lo sciatore/rider segnala che è PRONTO e quando non vi è traffico davanti all’imbarcazione, si deve partire seguendo una linea retta. Regolare la velocità in funzione dei segnali dati dallo sciatore/rider.

 

Caduta dello sciatore o del rider

Nelle attività di sci e di surf capita spesso di cadere e ferirsi.

  • Manovra lentamente attorno allo sciatore/rider per aiutarlo a prendere in mano il bilancino della corda da traino o per recuperarlo.
  • Ferma l’elica e metti la barca in folle quando ti avvicini allo sciatore/rider caduto: effettua la stessa manovra per il recupero di un uomo in mare.
  • Cercare sempre di avere nella propria visuale lo sciatore/rider caduto e controllare che sia a lato del conduttore della barca.
  • Issare la bandiera rossa o arancione per avvisare le altre barche che in mare vi è uno sciatore/rider che è caduto.

 

LO SCI NAUTICO

La scelta dipenderà:

Dalla stabilità: degli sci larghi o parabolici permettono una maggiore stabilità per iniziare.

– Dall’aggancio: una pinnetta direttrice nella parte posteriore dello sci permette un miglior aggancio.

Come utilizzare gli sci

Per girare verso destra bisogna spostare il corpo verso destra. Per girare verso sinistra, bisogna spostare il corpo verso sinistra.

La maggior parte delle persone è in grado di fare una spina di pesce, dopo solo qualche minuto di pratica. Fare la prova delle varie posizioni del corpo e di stabilità per capire quali sci siano più adatti al proprio peso, alle proprie abilità fisiche e alle condizioni dell’acqua.

LA REGOLAMENTAZIONE

Bisogna essere in due a bordo della barca quando si traina: una persona per condurre la barca e l’altra persona per controllare lo sciatore trainato. Le persone in possesso del brevetto per lo sci nautico possono trainare da soli uno sciatore ma la barca deve essere dotata di un specchietto retrovisore per vedere la persona trainata.

Se utilizzi il gancio posteriore, avrai l’istinto di tirare la corda verso il basso; così facendo il gonfiabile o il wake si riempiranno d’acqua e tenderanno ad affondare. Il rider deve quindi piegarsi leggermente all’indietro, per poter fuoriuscire dall’acqua e solcare il mare!

Si deve attaccare all’albero della barca un segnale arancione fluorescente nel momento in cui si sta trainando un mezzo come il trainabile, gli sci nautici, il wakeboard o il kneeboard.

Si deve indossare un giubbotto di salvataggio specifico per praticare gli sport da traino.

Bisogna conoscere la legislazione locale poiché esistono delle zone riservate alla pratica di questi sport. L’esercizio dello sci nautico in acque italiane è consentito nelle ore diurne con tempo favorevole e mare calmo nelle acque marittime situate ad oltre duecento metri dalla linea batimetrica di 1360 antistante le spiagge e, ad oltre cento metri dalle coste cadenti a picco in mare.

 

 

ATTENZIONE! QUALCHE ACCORGIMENTO DA RISPETTARE

Gli sport nautici comportano il rischio di incidenti gravi o mortali. Segui tutte le istruzioni e le regole di sicurezza fornite di seguito:

IL CONDUTTORE È RESPONSABILE DELLA SICUREZZA. IL TRAINABILE NON PUÒ ESSERE CONTROLLATO DAL RIDER!

  • Indossare sempre un giubbotto di salvataggio regolato bene, omologato dagli organismi nazionali, USCG tipo III, ISO ecc….
  • Non trainare mai una persona se ci si trova in acque poco profonde o in prossimità della riva, dei porti, di palafitte, dei bagnanti, di imbarcazioni o di altri ostacoli.
  • Assicurarsi che la corda da traino sia abbastanza lontana da qualsiasi parte del corpo prima e durante l’utilizzo.
  • Non posare nessuna parte del corpo sull’impugnatura o sotto un rivestimento, un’imbracatura di trazione e non attaccate mai il rider al trainabile.
  • È necessaria la presenza di due persone a bordo, una per condurre la barca e l’altra per osservare il rider.
  • Controllare sempre i bambini mentre utilizzano il trainabile.
  • Questi sport non possono essere eseguiti da bambini al di sotto di 6 anni.
  • Non effettuare mai delle virate rapide o brusche che possono causare il capovolgimento del trainabile e la caduta del rider o che possono avere un effetto fionda sulla velocità del trainabile.
  • Non superare mai i 32km/h (20mp/h) nel caso in cui si stia trainando un adulto. Trainando un bambino la velocità massima è di 24km/h (15mp/h).
  • Distanza di sicurezza dalla terra: 55 metri (180 piedi). Profondità dell’acqua: superiore a 2.5 metri (8 piedi)
  • Non condurre la barca o praticare questi sport sotto uso di droga e alcool.
  • Non infilare le mani o i piedi nelle impugnature del gonfiabile.

 

Conformarsi sempre al numero dei rider, al peso del trainabile e alla resistenza della corda:

NUMERO DEI RIDERS 1 2 3 4 5 6
PESO TOTALE DEI RIDERS 77 kg 154 kg 231 kg 308 kg 385 kg 463 kg
RESISTENZA DELLA CORDA ALLA TRAZIONE 680 kg 1077 kg 1520 kg 1860 kg 2722 kg 2722 kg
LUNGHEZZA DELLA CORDA DI TRAZIONE 15,25 m 19,80 m 19,80 m 19,80 m 19,80 m 19,80 m

 

 

I CONSIGLI ORANGEMARINE

Non accelerare e non decelerare brutalmente. Mantieni un’andatura fluida.

Controlla sempre le barche attorno e prediligi luoghi tranquilli per praticare lo sport in tutta sicurezza.

 

Manutenzione

Sciacqua l’attrezzatura con acqua dolce dopo l’utilizzo e faI asciugare il giubbotto di salvataggio all’aria aperta.

Smonta completamente l’attrezzatura 2 volte all’anno per pulire in profondità i fissaggi, l’asse e le pinnette.

Attrezzatura complementare

Il triangolo per lo sci nautico con le corde, lo specchietto retrovisore e il  moschettone di sgancio rapido sono utili per la pratica degli sport da traino.

 

 

 

Dai la tua opinione

Share on facebook
Share on twitter
Share on email

Lascia un commento

Chiudi il menu